Stones Tongue backpatch

15,00 

Lo sberleffo che dal ’71 identifica i Rolling Stones!
Ricamo 100% poliestere resistente ai candeggi e alle alte temperature.
Misure della patch cm. 18xh20
Su richiesta può essere realizzata anche in altre misure.

Pronto per la spedizione tra e
 €

prym

pattex

Descrizione

La grande bocca aperta con la lingua di fuori che da decenni identifica i Rolling Stones, comparve la prima volta sul disco Sticky Fingers del 1971 ma non fu creata da Warhol, come erroneamente si crede. Chi altri, però avrebbe potuto sintetizzare meglio il ribellismo rock, chi avrebbe potuto immaginare una semplice, sboccata linguaccia capace di esprimere in un solo colpo visivo tutto quello che gli Stones urlavano al mondo ai quei tempi?
Ma il genio in questione non era Warhol. Si trattava di un oscuro studente del London’s Royal College of Art, il ventiquattrenne John Pasche, che Mick Jagger contattò perché insoddisfatto delle idee che gli venivano proposte dalla Decca, la loro casa discografica del tempo.

Nel dicembre 2008 il disegno originale fu acquistato dal Victoria and Albert Museum di Londra per la” modica” cifra di 92.500 dollari.

Dal 1971 gli Stones non hanno mai abbandonato la famosissima linguaccia che viene ancora oggi riprodotta su qualsiasi oggetto o capo di abbigliamento.
E non può esserci dubbio, che anche senza altre scritti, quella linguacia li identifica, ed identifica la loro musica trasgressiva, come nessun marchio o logo al mondo ha mai, o potrà mai fare.